,

La raccolta della carta è efficiente in Italia

Bene il riciclo, soprattutto al sud

L’ultimo rapporto Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a Base Cellulosica ha mostrato interessanti dati per quanto riguarda l’anno 2016. Si tratta di un report che ogni anno fotografa la situazione di riciclo in Italia e che ha dimostrato un aumento delle buone pratiche, concentrato soprattutto nelle regioni del sud Italia.

La raccolta differenziata della carta e del cartone è quindi in aumento nel nostro paese e i dati hanno evidenziato un apporto di oltre 3.1 milioni di tonnellate di materiale nel corso del 2015, con un incremento dello 0.5% in più rispetto ai dati raccolti nel 2014. nel complesso si tratta di 21mila tonnellate di carta e cartone raccolti, che fanno proseguire il trend positivo registrato negli anni precedenti.

È interessante notare che la raccolta e il conseguente riciclo di questi materiali cartacei sono saliti esponenzialmente in 21 anni di monitoraggio, salendo dal 37% del 1998 fino al 79.7% registrato nel corso dello scorso anno. I risultati sono quindi ottimali e il report Comieco ha dimostrato che l’incremento si è registrato anche nelle regioni del sud Italia, un risultato che notifica un miglioramento nella raccolta rispetto agli scorsi anni. Mentre il nord e il centro si sono sempre rivelati virtuosi nella differenziazione dei rifiuti, il sud peccava di una spinta forte in questa direzione, ma i risultati del report Comieco hanno dimostrato che anche le regioni del sud si stanno adeguando ai parametri nazionali e stanno crescendo da questo importante punto di vista.

Written by Valeria Martalò

Valeria Martalò, laureata in Filologia Classica: attenta alle notizie sull'ambiente, amante della natura, crede fermamente che bisogna far diventare il mondo un posto migliore.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Budapest celebra la Decrescita

Vietato buttare i pesci rossi nei fiumi